Avevi tutto il tempo per cambiarti
baby bella
Sei uscita con quei stracci incontro al mito
c’era un’aria che spazzava i tuoi pensieri
ma erano i tuoi?
Avevi una felpa, avevi una maglia, avevi una gonna
un paio di Vans, le stringhe spaiate come due emisferi
che testa avevi
che gadget avevi ai polsi, labbra, naso, orecchie, basso ventre
Le calze rampicanti fino all’inguine e fianchi.

Che mito avevi
Ti aspettava un uomo sedicente, con il profilo in regola
aggiornato oltre ogni misura, mai all’avanguardia, mai un passo indietro
un mito al momento
E quel momento non finiva mai, non sarebbe mai finito
Quel momento per un momento è stato il mio
È stato di tanti come me e te, baby bella
Ma è stato un momento, c’è stato altro prima e dopo
c’è ancora altro che mi aspetta
Io ti aspetto baby bella
aspetto che diventi madre sposa di un figlio padre fratello
di un uomo sedicente
di un dolce presente come meringata franta

Così sorrido
Io un uomo non lo sono stato mai
sono adolescente più di te, baby
non farti ingannare dal mio vecchio aspetto
io ti sarei amante, ti sarei padre, ti sarei fratello
sono stato adolescente tante volte, baby
Avevo tutto il tempo per cambiare
Non l’ho mai fatto, non ancora, lo farò
Ci sono quasi, baby
Ancora un giro
Non ridere di me
Non è bello ridere vedrai, te ne accorgerai
Non così

Avevamo tutto il tempo per cambiare
Noialtri
Ma chi eravamo?
Saperlo ora pare una sciarada
Come “sciarada” pare un soffio di niente
Ora “niente” è roba da perdente
Invece “niente” è la porta dei futuri.
E io ti aspetto baby bella.

Thomas Wonderful

Io sono un pizzatriangolista. Sicuro. Non ho paura a dirlo. Ci fanno credere che la pizza sia rotonda ma in realtà è solo un’unica fottuta fetta triangolare. E il calzone è un fotomontaggio. Su Netflix!
Francis si è incatenato davanti a Spontini e si è cosparso di olio di palma perché il messaggio arrivasse chiaro a tutti: La pizza “è” triangolare. E l’olio di palma “fa” ombra. Su Netflix!
Francis, io, noi pizzatriangolisti siamo più di quanti pensiate. Ci hanno già fatto un documentario. Su… Netflix.
Io credo nella scienza. Noi crediamo nella scienza. Ma la scienza a cosa crede? All’origano? Sempre? Ovunque? All’ananas? Aprite gli occhi!
Ci chiamano complottisti. Ci deridono. Perché chi crede ai complotti è un’idiota, no? “L’allunaggio l’ha girato Kubrik…”, “Papa Luciani l’hanno ammazzato…”, “Le torri gemelle erano adottive…”
Ma i complotti esistono! Sono sempre esistiti! O Giulio Cesare è morto d’infarto? Arresto cardiaco. L’ha detto il coroner. Il caso è chiuso. Su Netflix!
C’è Francis, ok? che conosce un tale, un farmacista un salutista, ok? Completamente fissato, un paranoico: questo fa male, questo fa bene. Ma adora la pizza. Ordina sempre pizza ai funghi: pizza, funghi e antimicotico.
E mi volete dare a bere l’ananas? Ma cristo santo, quando vi sveglierete?
Due mesi fa c’è stato un convegno, il più grande convegno di pizzatriangolisti, a Cuneo. Siamo tanti, facciamo paura ai poteri forti.
C’è un teorema su di noi: il teorema di Pizzagora. Ci hanno sempre insegnato che la somma dei quadrati costruiti sui cateti è uguale al quadrato costruito sull’ipotenusa. Ma sono triangoli! Tutti fottutissimi triangoli!
Il futuro non è già tutto scritto. Lo dice sempre Francis Ci sono infiniti futuri inimmaginabili su Netflix!
La Tesla l’ha capito. Ma la Tesla crede che sia tutto un gioco: un due, tre, Tesla! Ma non lo è. Il pizzatriangolismo è la verità Il vero complotto è la pizza rotonda. Noi stiamo triangolando il cerchio! SU NETFLIX!