Eri più bella della più bella della scuola

Gesù, quanto ho creduto nel lucida labbra. Non ho mai creduto nei diminutivi, nei vezzeggiativi ma, Gesù, il lucida labbra… una laguna, un’oasi, un paradiso, un miraggio, il riflesso di un miraggio. Ma erano solo le luci, i faretti appesi, gli specchi, era tutto un gioco, il riflesso di un gioco. Ma eri più bella della più bella della scuola. Avevi gli scaldamuscoli ai polpacci. I fianchi fatti apposta per essere cinti, il collo per essere sfiorato. Eri atletica più atletica della più bella della scuola. Avevi un unico neo ed era bellissimo. E io ho creduto tutto quello che ho potuto in un pomeriggio, l’ho visto riflesso nelle tue labbra per un attimo. Se m’avessi baciato sarei morto. Invece è morto il pomeriggio, sepolto nella sera. Rinasceva primavera. Il Carnevale si portava via la mia maschera e insieme a lei me. Ma era il riflesso di me. Ora lo so, ed eccomi qui.

Annunci
Pubblicato in 0000.

2 commenti

Lascia un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...