– Ti amo.
– Siamo una squadra.
– E quello?
– È il quarto uomo.
– Ma…
– Non ti devi preoccupare. Ci guarda e basta.
– E gli altri tre?
– Non ti devi preoccupare. Amami.
– Ti amo.