Annabeth

Annabeth dove abitavi in quella stagione?
Ricordo un viale, centrale, popolare
Case d’epoche lontane
Gialle d’intonaco, braccetto col sole.
Corti antiche, portoni in legno bello
Accanto vetrine, vite dark e cose punk.
C’era un’aria, Annabeth, e tu non c’eri più
C’era un cielo color Paperinos
Striato, dolce e mou.
Il viale non finiva mai
Carnevale era alle porte
E mai, Annabeth, come allora
Mi son sentito nudo e tuttavia
Pioniere travestito in bianco e nero
Che visioni, che speranze,
che carni avevi, Annabeth
Che televisore, avevi. Che cose, facevamo.

Ora passo lungo il viale
Ombre d’élite son piantate
Elettromagnetismo
Che fragore di campi
Mi ronzano le orecchie
Avevi, se non ricordo male, una gonna nera
Belle gambe e seni grandi come la felicità.
Eravamo in bianco e nero.
Eravamo in due
Per una stagione intera
Una casa lungo un viale
E ora non ricordo quale
Non ricordo quale
Non ricordo quale.
Non ricordo bene te.

Annunci
Pubblicato in 0000.

1 commento

Lascia un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...