Un grappolo di cenci umidi sul pavimento accanto a te

Un grappolo di cenci
Umidi sul pavimento accanto a te
Umida anche tu
Ma che ci fate ancora qui?
C’è già un cattivo odore
Non sarà per via delle finestre ancora chiuse
Nel tardo pomeriggio
Sarà perché proprio non lo vuoi capire
Stupida donna
Stupida finita
In terra, sulla mia terra, sulla mia terra di graniglia
Non sono roba per te, non ero roba per te
Te lo avevo detto già quella mattina
In coda alle poste, in coda come tutte
Come tutte
Avevo speso tutto controvoglia
Non mi era rimasto che un caffè
L’ho puntato su di te
Ti ho vinta per un po’
Ho vinto le tue illusioni
Me le sono rigiocate e le ho perse
Prima ancora di finire le scale
Nella tromba senza musica
E senza ascensore.
Ora dipendo molto dalle brioche
Dipendo tutto dalle brioche
Scendo al bar di Mino e mi faccio fuori gli avanzi
Ci raccontiamo le solite balle
Ognuno coi suoi sogni
Ognuno coi suoi ragni
Ognuno con i propri letti appiccicosi
Io dipendo dalle brioche
Picchio le donne
E spendo tutto in vaglia

Annunci
Pubblicato in 0000.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...