Oh oh, la Grecia quanto m’ha dato
Le cale coi ricci nello specchio cobalto
Gli scogli neri i muri bianchi l’edera sarà
Smeralda e calda

Ti voglio bene biondina mia trovata a ferragosto
Senti il fumo di pini in brace,
siamo prossimi alla mezza, gli elementi
hanno il vento a favore, come l’aria
di un motivo in bianco e nero

Un omicidio tiene banco e sottopelle
un brivido per un attimo di freddo:
temporale in piena estate.
La cronaca ne parla come parla
di una hit con i cori con i gridi

Biondina, fai un salto con me giù alla cala
vedrai, so fischiare, so picchiare
dritto nell’acqua, faccio buchi
che si chiudono dietro di me.
Sta a guardare, fatti bagnare.

Non ci sono treni nei dintorni,
niente occhi tra gli stecchi
dietro fronde solo noi, lontani.
Guardami e sorridimi
mi butto nel blu che è un cielo capovolto.
Guardami e buttati.
Guardami e grida.
Guardami e spegniti.

La cronaca dirà di te, ragazza
ma non saprà di me.
Oh oh, la Grecia quanto m’ha dato.
Conservo i ritagli biondina
ma non scordo, no no,
di quei tagli non mi scorderò

Annunci
Pubblicato in 0000.

3 commenti

Lascia un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...