C’è una mamma. Non è più una mamma. È una carne di sangue lontana continenti che dimentica, che non sa, non sa più dove inizia e finisce il sole, dove stanno i ghiacci e dove secca la carovana di destini  tra le dune verso il mare.
Qualcuno finalmente muore. Qualcuno, malgrado tutto, nasce.
Qualcuno se la spassa.

Pubblicato in 0000.

8 commenti

Lascia un commento

  1. adesso capisco da dove arriva questa vena apocalittica. Quest'estate ho letto "La strada" di Cormac Mc Carthy. Ha lasciato un bel segno. Poi è arrivato Syd Barrett – attraverso Michele Mari con "Rosso Floyd" – e pure lui. Quindi portate pazienza, non c'è niente da ridere per un po'.Stan il consapevole(questa grappa non si apre)

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...