Bob Nor – 3.

Bob Nor per un pelo non mi investì d’insulti, occupato com’era a non morire. Mi vide tirare dritto e io, del resto, non mi volli fare alcuna domanda e lo lasciai lì, piegato, a mentire sulla sua altezza, con i piedi nudi in mezzo ai vetri. Svoltai l’angolo e raggiunsi il portone. Suonai; un tocco leggero nelle prime ore del mattino. Ci tenevo a essere discreto, lo facevo sempre, ma non avevo idea di cosa fosse appena successo, non potevo immaginare che solo mezz’ora prima quattro animali armati erano entrati cercando Bob Nor per fargli pagare qualcosa. Il prezzo doveva essere molto alto perché, in ordine, ci rimisero la pelle: il portinaio, un capofamiglia turnista che si trovava sulle scale, un vecchio monarchico che si era affacciato dalla porta di casa al secondo piano e, per poco, anche Bob Nor. Ma riuscì a farla franca. Ne fece fuori tre dei quattro prima di buttarsi dalla finestra delle scale. Il quarto non stava tanto bene, non sono un medico ma un uomo seduto in una pozza di sangue, che non ride e non si muove, solo ti guarda e tutto quello che riesce a dire è “gh”, dico solo che non stava tanto bene. Bob Nor del resto ci era andato pesante, come in tutto quello che faceva, a cominciare dal suo lavoro di vetrinista, la sua copertura.

4 commenti

Lascia un commento

Rispondi a anonimo Cancella risposta

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...