– Sei piuttosto invadente.

– E tu poco democratico.

Luise, tu che amavi i fiori.

Luise, tu che amavi gli animali.

Luise, tu che amavi pure i sassi.

Luise.

Luise parlami.

Luise non essere morta.

Luise scusami.

Rispondo al citofono e torno.

– Mi scusi lei è un elfo?

– Sicuro.

– E che fa?

– Danzo sull’erba, sorrido candido, mi specchio nell’acqua dei ruscelli e mi vedo mosso.

– Parli dentro il microfono. Vuol ripetere per cortesia?

– Mi dispiace ma devo andare. Non posso perdermi questo FoxTrot.

– Allora arrivederci.

– Arrivederci..

Il dottore fece visita a Madame Orly subito dopo la sua telefonata. Attraversò Lione come una furia. All’incrocio con Rue de la Mére si prese un gran spavento quando vide l’enorme cartellone che reclamizzava un dentifricio innovativo e pensò: “Puttana eva ”. [continua…]